Problemi relazionali


Le relazioni sono fondamentali per il benessere e per la piena realizzazione dell’individuo, sia quelle che riguardano la famiglia, la coppia e la cerchia di amici più intimi, sia quelle meno strette che comprendono tutta la cerchia dei conoscenti.

Talvolta si presentano dei problemi a rapportarsi con gli altri: le difficoltà possono manifestarsi in tutti i contesti, familiare, di coppia, lavorativo e sociale, oppure in occasioni e situazioni specifiche (per esempio, può risultare più semplice interagire con persone famigliari e con gli amici più intimi e più difficile con persone con cui si ha poca confidenza). La persona può isolarsi sempre di più o fare scelte di vita guidate da difficoltà di relazione piuttosto che dai propri desideri.

Si parla di difficoltà di relazione quando il desiderio di interagire con gli altri è ostacolato da fattori che influiscono in modo negativo sulla capacità di comunicare:

  • scarsa autostima
  • sensazione di inadeguatezza
  • inibizioni
  • timidezza
  • disagio in presenza di altre persone
  • timore del giudizio
  • senso di non accettazione
  • difficoltà di controllo degli impulsi
  • aggressività

I rapporti più significativi possono diventare fonte di sofferenza per vari motivi, tra cui:

  • eventi che comportano un cambiamento (la nascita di un figlo, cambiamenti lavorativi, malattie, lutti, divorzi, nuove unioni…) al quale può essere difficile adattarsi, con ripercussioni sulle relazioni famigliari o di coppia
  • sentimenti di rancore e rabbia
  • sviluppo di aspettative irrealistiche nei confronti di un altro membro della famiglia (coniuge, figlio,)

A livello sociale esperienze negative passate possono dare luogo a difficoltà e imbarazzo in varie situazioni:

  • incontrare persone sconosciute
  • socializzare con persone del sesso opposto o da cui si è attratti
  • colloqui di lavoro
  • esprimere le proprie opinioni
  • parlare con persone di autorità
  • parlare in pubblico
  • fare o accettare complimenti
  • mangiare o bere in presenza di altre persone
  • andare alle feste

Per poter sviluppare adeguate competenze relazionali un ruolo fondamentale è svolto dalla stima di sé. Una buona autostima consente di percepire una sicurezza e una fiducia di fondo che sono alla base della capacità di comunicare e di sviluppare relazioni di qualità. Spesso, la solitudine è legata a una bassa autostima perché le persone tendono a non sentirsi bene con gli altri e, di conseguenza, a non cercare relazioni e nuovi rapporti di amicizia. L’isolamento derivante porta alla carenza di sostegno sociale e alla mancanza delle esperienze di conforto e di rassicurazione che gli altri possono dare e che permettono di affrontare meglio le difficoltà della vita. Un aiuto psicologico può aiutare ad acquisire fiducia e speranza nelle proprie possibilità e una migliore capacità di comunicare.